La campagna di Buzz Seeding di Gazzetta.it

Dopo la tavola rotonda al SBF11 viene presentata da Mushin la campagna di buzz seeding per Gazzetta.it relativa al fantacalcio (oltre 2.240.293 giocatori di fantacalcio in italia !!). Gazzetta è un sito molto visto: 11 milioni unici e 400 milioni pagine viste.

Online: traffico sul sito

  1. Affiliation 15% traffico (remunerare i siti che portano registrazioni di giocatori = lead)
  2. Display (banner)  58% traffico
  3. Buzz Seeding 27% traffico. Non ci si aspettavano impressioni o conversioni pari agli altri 2 canali. Ha portato molto traffico al sito! Investimento? minore del Display.

Indice di acquisizione per ogni canale: costi di acquisizione.

Budget diviso per numero di persone arrivate sul sito.

L’affiliation 58 centesimi a click

Il display è costata al cliente 40 centesimi (costo medio)

Il buzz è costato solo 23-25 centesimi.

Vatntaggi

– story telling. ho più margine per raccontare il prodotto (più del banner), maggior interazione

– scalabilita nel tempo. quello che ho scritto resta anche a fine campagna.

– serp buidding. cio’ che viene generato sul brand in termini di conversazioni compare su Google.

– endorsement. tutto quello che viene prodotto (anche i post) avviene non in spazi pubblicitari…migliora la fiducia nel brand.

Cosa abbiamo imparato:

  1. Anche il buzz seeding può essere usato per acquisire traffico: funziona e costa meno!
  2. Segreto: armonia di ingredienti. Obbligo di misurare tutto.
  3. Segreto del successo: continuità. Cambiare fornitore (per abbassare i prezzi) non porta da nessuna parte.

Funziona se:

– ci rivolgiamo a un mercato maturo e ad alto engagment

– brand forte, che ha investito in branding

– offerta di reale valore

– salvaguardare il mix (non abolire gli altri strumenti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *