Google lancia Plus, per sfidare Facebook?

Google – si sa – introduce le novità senza troppi indugi, un giorno ti svegli e ti trovi una cosa nuova! E così è stato nei giorni scorsi. Dopo le modifiche alla home page, è arrivata un’altra novità. All’improvviso si è cominciato a parlare in giro di Google Plus e gli inviti hanno cominciato a fioccare.

Di cosa si tratta? difficile dirlo, si capirà meglio usandolo. Per ora sembra a tutti gli effetti un social networks al quale si accede solo per inviti se si ha la gmail.

Le cose più interessanti sono:

  • CIRCLES, le cerchie: ovvero una sorta di sfere in cui far rientrare i propri amici, conoscenti, colleghi. La cosa ganza è che anche la pubblicazione e condivisione dei contenuti puo’ essere limitata ogni volta a una cerchia (colleghi, amici del mare, ecc.).

  • INSTANT UPLOAD, le foto: la possibilità di inserire e condividere foto con gli amici, senza limiti. Sarà la fine per Flickr? chissà… Per chi ha un cellulare con Android puo’ scaricare direttamente le foto dallo smartphone.

Una cosa che mi ha lasciata sorpresa: nel mio account ha importato automaticamente tutte le foto collegate a me (le migliaia di foto dei miei blog) già divise fra ioamofirenze, ioamoilgiappone, dentrolapiramide… e in un click unico si possono condividere con le cerchie.

Nella demo ci sono altre funzionalità che pero’ al momento non vedo nel mio account: Sparks, Huddle, Hangout.

Aggiornamento: mi hanno fatto notare Enrico Altavilla e Alessandro Politanò che in realtà ci sono! ecco infatti la mia schermata di Sparks (=Interessi).

Le potete vedere qui: http://www.google.com/intl/en/+/demo/

Dopo i (falliti) tentativi di Buzz e Wave che sia la volta buona?

Qui sul blog ufficiale di Google (in inglese) e qui in italiano.

3 comments

///////////////
  1. Mattia

    Lo ammetto… non sembra male! Perlomeno si ha l’impressione ci abbiano lavorato un po’ di più rispetto a Wave e Buzz.

    Al momento la cosa che apprezzo di più (anche se faccio un po’ fatica ad orientarmi ancora) è l’integrazione con gmail. Avendo la finestra gmail praticamente sempre aperta quando sono a lavoro al pc è senza dubbio un dettaglio da non sottovalutare.

    Staremo a vedere… è anche vero che Google non sembra essere mai uscita sofferente dai suoi “social flop”.

  2. Yasharone

    Da circa 2 giorni sto “giocherellando” col nuovo progetto (perchè di questo si tratta) di BigG e la domanda che mi pongo (a prescindere dagli aspetti gradevoli o meno di G+) è:

    MA NE SENTIVAMO IL BISOGNO?

    Sarò più dettagliato.
    Bello l’effetto novità, intrigante l’invito per pochi eletti, simpatica la questione delle cerchie ma cosa ha di nuovo questa piattaforma rispetto ai concorrenti? La mia sensazione è che Google abbia fatto confluire verso un’unica realtà i suoi strumenti più utilizzati ed accattivanti, condendo il tutto con la semplicità grafica che la contraddistingue, ma senza altri grandi sforzi.
    Per chi come me Gmail è un compagno di lavoro quotidiano Google + potrà anche far piacere ed incuriosire….ma tutti coloro che non hanno un account Google, che non lo vogliono e non lo conoscono da cosa saranno incentivati ad iscriversi?

    L’effetto novità di Facebook è passato, G+ non ha scosso gli animi (e non solo) come fece la creatura di Mark Zuckerberg.
    Non voglio sparare a zero dopo solo 2 giorni di utilizzo, ma dopo 48 ore di test non ho mai detto WOW davanti la monitor…e questo per me la dice lunga…

    1. nelli

      che dirti.. ho letto molti commenti in rete simili al tuo. mi è piaciuto il post del tagliaerbe dove dice che google plus è per noi geek, chissa’ magari ha ragione lui! intanto tutti quelli non social che sono rimasti esclusi si rodono… 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *