Corso Seo Swing: prima giornata

Siamo in 67 al Corso SEO Swing di Fradefra: molte facce e nomi noti del panorama Seo italiano, ma anche alcune new entry. Sono contenta di vedere qualche donna anche se siamo meno di 10!

Nella mattinata Enrico Altavilla e Piersante Paneghel di Search Brain hanno mostrato alcuni strumenti per analizzare le performance dei siti. Spesso la lentezza di caricamento da parte di un browser, che ha ripercussioni sul posizionamento, dipende da fattori ben identificabili (javascript, immagini, css, widget di facebook…).

Fra i vari siti/strumenti visti:

http://gtmetrix.com

http://www.webpagetest.org/

Oltre alla velocità del sito, è stata presa in considerazione anche la sitemap XML come fattore che indice sull’indicizzazione. Quali contenuti inserire? Puo’ avere senso fare sitemap distinte per sezioni o seguendo criteri cronologici delle url. Altra cosa da non scordare: non bisogna fidarsi ciecamente dei dati forniti da Google sulle sitemap, è meglio verificare con site:

Per chi fa e-commerce potrebbe avere senso dare priorità nella sitemap ai prodotti di cui ho più scorta in magazzino!

Dopo pranzo Piersante parla di come usare i feed come sitemap XML.

Per quanto riguarda i ping automatici, è meglio controllarli: Piersante suggerisce di usare quelli manuali, all’inizio. Sempre a proposito di ping, Enrico invita a non abusare nell’uso di questi strumenti (ad es. http://www.autopinger.com/) e non pingare di continuo se non ci sono nuovi contenuti.

Per quanto riguarda il posizionamento: l’architettura delle informazioni ha un forte impatto sul posizionamento del sito. Forse il peso maggiore.

Seo e sistemi di affiliazione: il caso Amazon.

1 settimana dopo il lancio Amazon era già il secondo player.

Problema delle url (tanti parametri, compreso il tracciamento del percorso dell’utente!), della duplicazione dei contenuti e della consistenza dei rami.

Come fa Amazon a performare così bene?

3 comments

///////////////
  1. Pingback:Corso SEO SWING: si parla di lingua e geotargeting il terzo giorno | Elena Farinelli

  2. fradefra - Cuoco corsi di cucina maisazi

    A onor di correttezza, va detto che il secondo giorno una persona è dovuta andar via ed una il terzo giorno. Nei 67 ci sono anche i tre docenti. Al di là della precisione (forse inutile), direi che anche per noi docenti la tre giorni è stata molto divertente e soddisfacente 🙂

  3. nelli

    accipicchia sei davvero pignolo :-))))
    ancora complimenti francesco per l’evento. un’occasione per ritrovarsi e confrontarsi con amici e colleghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *