Come monitorare la reputazione online

Dopo l’ottimo intervento sugli aspetti legali & Social Media, è il turno di David Sottimano, simpatico italo-canadese che lavora a Londra per Distilled.

Come gestire la reputazione online?

Non si possono eliminare recensioni negativi, quel che si può fare è creare recensioni positive e spingerle sù. Obiettivo: avere una serp con risultati positivi e neutri. Se ci sono listing negativi in prima pagina, bisogna guardare se in seconda o terza pagina ci sono listing positivi e provare a spingerli sù con link building.

Poi aprire tutti gli account sui Social per farli comparire in serp: Fb, Twitter, Linkedin, GG plus, Youtube.

Anche un blog può aiutare ed entrare nel ranking.

Altra cosa che possiamo fare: articoli, press release…

Cosa fare in caso di critiche?

Se qualcuno ci critica su un blog, rispondiamo sul suo blog! Subito.

Primo: monitorare. Secondo: rispondere subito.

Come fare a monitorare? Google alerts.

Poi si puo’ cercare “brand recensioni” oppure c’è il Google Suggest. Guardare anche su altri Google.

E sui social? c’è Socialmention.com che ci fornisce degli alert.

Prima di pensare a gestire la reputazione, devi risolvere il problema. Una volta risolto possiamo lavorare sulla reputazione.

5 comments

///////////////
  1. David Sottimano

    Sei molto gentile! Grazie per scivere questo post. Spero di vedervi un giorno a Londra 🙂

    1. nelli

      Thanks for leaving a comment! I have been to London last Month 🙂 but I hope to come back. Congrats for the presentation 🙂

  2. Pingback:Seconda giornata al Be Wizard 2012 area Business | Elena Farinelli

  3. chaplin

    Grazie,ottimo articolo.
    Vorrei segnalarti uno strumento nouvo per monitorare la reputazione aziendale online: Strategator.com – un motore de ricerca aziendale che offre informazione aggregate da diversi fonti strutturate in un modo facile da analizzare.

  4. Flavio

    Questa può essere una soluzione ad un problema ma cercare di non creare il problema sarebbe ancora meglio! Secondo me, più che spingere s le serp positive bisognerebbe in primo luogo migliorare il proprio servizio! Scontato? 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *