Campagne Adwords potenziate

Francesco Tinti parla di campagne potenziate da lui usate per Royal Caribbean, che è stata la prima azienda a switchare completatemente alle campagne Adwords potenziate, il giorno successivo al loro lancio (Febbraio 2013).

Le campagne possono essere multi-device: gestisco tablet, desktop e mobile tutti insieme.

Una novità: i sitelinks
Gestione + pratica via web, si possono riciclare, temporizzare (data inziale e finale e scegliere orari)
Posso usare i sitelinks a livello di gruppo di annunci.

Creo i sitelink oggi, per una nave che arriva il 16 aprile. Che poi spariranno.

Liste di keyword negative: le posso strutturare per tema. Si sommano. E applicarle a tutte le campagne. per esempio “anni precedenti” = non voglio chi cerca crociere anni passati (magari foto!).

Adwords Script: siamo noi a scrivere il codice di cosa deve accadere tramite javascript. Automazione. Controlli periodici. Alert via mail. Per esempio stoppo annunci che hanno generato zero click.

L’account è diviso in 4 aree, ognuna ha le sue campagne. Gruppi molto espansi (crorciera/e, vacanza/e, mese, porto, nave). Divisione fra singolare e plurale. Un utente che cerca crociera è diverso da crociere: sono in 2 momenti diversi dell’acquisto. Generico vs commerciale. Divisione per exact, match e keyword discovery (broad). Il gruppo exact converte bene.

  • Brand
  • Destinazioni
  • Display
  • Remarketing

Le sue tecniche:

1) disconessioni mentali. Non andare in crociera! Conversioni altissime

2) annunci bionici. Nessuno conosce i Caraibi più di noi. La miglior vacanza della mia vita. Non parlo di crociere. Lato emozionale! Convertono bene.

3) tecnica di Fibonacci. Io non posso sapere cosa un utente si aspetta. Stesso annuncio ti manda in posti diversi (landing Mediterraneo, landing Caraibi…) . Conversione in termini di CPA è buona.

Remarketing in rete di ricerca (vs rete display): da tutte le campagne escludere chi ha già visitato il sito. Audience usate al negativo. A chi ha visto il mio sito, non mostro annunci corrispondenti con parole chiave generiche come “crociera”. Le liste remarketing vanno fatte appositamente dentro Adwords.

Tramite il remarketing possiamo tracciare gli utenti con un Cookie Google Adwords o cookie Google Analytics e poi mostrargli annunci specifici.

2 comments

///////////////
  1. Pingback:Adwords: non è uno strumento per tutti | Elena Farinelli

  2. Pingback:Anche nel 2014 torna Adworld Experience | Elena Farinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *